News Teatro Tragodia

SPETTACOLO DI BENEFICENZA


Il gruppo “C. UOMO” (C. sta per “centralità) per L’UMANIZZAZIONE OSPEDALIERA MALATI ONCOLOGICI” che accoglie tra i suoi membri medici e personale paramedico dell’ospedale oncologico di Cagliari ha organizzato una serie di spettacoli per rendere più umana e sopportabile la degenza dei malati all’interno della struttura ospedaliera, tra i diversi appuntamenti anche la compagnia teatrale Teatro Tragodìa che martedì 05 Settembre alle ore 19.00 ha presentato lo spettacolo teatrale “
CINISCEDDA” regia di Virginia Garau.
Il gruppo C. UOMO (per Centralità s’intende quella del malato) è nato spontaneamente grazie alla sensibilità dei suoi fondatori; ha come scopo primario quello di rendere più umana e meno faticosa la vita del malato all’interno dell’ospedale portando non solo un‘ondata di allegria e di svago, ma curando il paziente nella sua globalità, ossia come essere umano, e perciò seguendone non solo l’iter sanitario ma anche l’aspetto più profondo dell’anima, curando quando occorre anche la spiritualità. Ovviamente per la formazione del personale per l’umanizzazione del malato si seguono periodicamente dei corsi tenuti da professionisti specializzati nel settore (psicologi, oncologi e sacerdoti).
Il gruppo sorto spontaneamente nel 2000 è stato poi aziendalizzato, per cui oggi opera anche grazie alla Direzione Sanitaria dell’Ospedale nonché alla Dirigenza della ASL n° 8 sotto l’attenta guida della Dott.ssa Silvana Tilocca.
Il gruppo C. UOMO si occupa anche di problematiche strutturali dell’ospedale infatti ha da poco pubblicato un libretto informativo per consentire al malato di avere tutte le notizie della struttura che l’accoglie, e ancora si è inaugurato un centro d’accoglienza seguito da personale volontario.

Lo spettacolo si è tenuto nella sala congressi dell’ospedale stesso. Presenti i pazienti ospiti della struttura, ma per chi purtroppo non ha potuto assistere di persona la ripresa dello spettacolo è stata diffusa nelle singole camere grazie al sistema televisivo a circuito chiuso di cui è dotato l’ospedale.

Per informazioni: Telefono e fax 0783/992027 - Cell. 389/1111327
Sito internet: www.teatro-tragodia.com ; e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NEWS: Laboratori Teatrali 2008 A LA FABBRICA DELLE GAZZOSE

Sin dal 2001 si sono attivati una serie di laboratori teatrali organizzati e gestiti direttamente da Teatro Tragodia, oltre naturalmente agli svariati laboratori che gli esperti dell’associazione tengono nelle scuole e nei centri sociali.
Anche quest’anno si aprono le iscrizioni per un nuovo laboratorio di propedeutica e di preparazione al lavoro dell’attore con un nuovo gruppo di allievi.
Laboratorio per adulti annualità 2008 con la messa in scena di uno spettacolo finale.
Queste attività si svolgono all’interno dei locali dell’associazione LA FABBRICA DELLE GAZZOSE.
LABORATORIO TEATRALE corso quinquennale.
Per il secondo anno nel secondo ciclo si riaprono le iscrizioni per un nuovo laboratorio di propedeutica e di preparazione al lavoro dell’attore con un nuovo gruppo di allievi di 13 anni, i quali continueranno col corso intrapreso l’anno scorso e che comprende un quinquennio di preparazione alla recitazione.
Esso sarà incentrato sulle tecniche di preparazione al lavoro dell’attore con conseguente spettacolo teatrale che verrà scritto dall’intero gruppo su una tematica relativa al recupero della memoria storica.
Il laboratorio, che verrà tenuto nella sede dell’associazione, debutterà all’interno della rassegna “Libertà d’espressione” le attività hanno preso avvio sabato 01 Marzo.
LABORATORIO PER ADULTI annualità 2008.
Corso di recitazione per adulti con conseguente spettacolo di fine laboratorio.
Come ogni anno si apre un corso di recitazione per soli adulti finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo teatrale.
Il laboratorio, che verrà tenuto nella sede dell’associazione, debutterà all’interno della rassegna “Libertà d’espressione” le attività hanno preso avvio sabato 05 Marzo e consta di 12 professionisti, da docenti a liberi professionisti.
CONTENUTI
Il laboratorio teatrale è sperimentazione.
Sperimentazione dei processi concreti attraverso i quali l'atto creativo, la voce, il movimento espressivo, le immagini, le memorie, le sensazioni corporee, il respiro diventano esperienze di conoscenza di se e dell'altro, di consapevolezza, di scoperta, di una evoluzione personale che va nella direzione dell'integrazione.
L'integrazione è l'esperienza vivente dell'incontro più equilibrato e profondo nelle diverse parti che compongono la globalità dell'essere umano, della sua interiorità e del suo agire, del suo corpo, delle sue emozioni, dei suoi pensieri.
L'attenzione cosciente, l'ascolto di se la capacità di esperire, di essere nell'esperienza, l'apertura al confronto autentico sono degli strumenti che bisogna continuamente coltivare ed affinare, a volte da soli, a volte con i compagni del gruppo.
Il laboratorio è uno spazio-tempo definito nel quale si svolge un'azione osservata, compresa e sostenuta dall'operatore.
E' un'idea che mette insieme il parlare dei partecipanti al laboratorio con il loro fare e la presenza di un esperto che lo comprende e lo stimola.
Nel laboratorio i singoli soggetti possono esprimere il loro benessere/malessere, il loro disagio, le loro domande.
Ciò produce un'esplorazione e sperimentazione di modalità espressive e comunicative per valorizzare le potenzialità creative e fantastiche di ciascuno.
Rendere i partecipanti consapevoli delle loro stesse capacità e dar loro la possibilità di coltivarle e accrescerle significa sostenerli e stimolarli nel loro percorso formativo.
" Fare teatro " non significa solo recitare ma anche prendere coscienza del proprio corpo quale mezzo per comunicare; di qui l'analisi particolareggiata del movimento, lo studio del linguaggio gestuale usato a sostegno dell'esperienza verbale.
Il movimento è importante: movimento libero, volto a soddisfare le esigenze fisiche e ludiche delle persone, a renderle consapevoli della loro corporeità e della realtà spaziale che gli accoglie.
Il movimento per favorire l'acquisizione e il perfezionamento di capacità come la prontezza, la coordinazione, l'attenzione, la progettualità; il movimento inteso come mo

mento ottimale per esercitare i propri sensi e per stimolare la sfera emotivo-sociale.
" Fare teatro " vuole dire lavorare in gruppo, trovare spazio per se stessi e per gli altri, per progettare le attività, costruire scene e costumi, manovrare luci e scenari, organizzare e creare.

Per informazioni: Telefono e fax 0783/992027 - Cell. 389/1111327
Sito internet: www.teatro-tragodia.com ; e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


NEWS: La compagnia Teatro Tragodia di Mogoro alla conquista di New York.

Broadway, un sogno diventato realtà. È quanto è accaduto alla piccola compagnia Teatro Tragodia di Mogoro. Che dai palchi della Marmilla è sbarcata nel cuore di New York. Ad applaudirli domenica 30 aprile alle 13 (ora di New York) nella grande sala del Sage Theater al numero 711 della 7th Avenue di New York un nutrito gruppo di emigrati sardi appartenenti al circolo Shardana-Usa fondato a New York nel 2000. Non solo: immancabile l’ambasciatore italiano a New York e numerose autorità, ma anche moltissimi siciliani, calabresi e altri italiani all’estero intervenuti alla manifestazione organizzata in occasione della “Settimana sarda nel mondo” e in particolare per Sa die de Sa Sardigna. <E’ stata un’esperienza straordinaria che speriamo di poter ripetere al più presto, magari in qualche altro angolo del mondo>, spiega Virginia Garau, presidente della compagnia Teatro Tragodia di Mogoro da due anni passata dal dilettantismo al professionismo. <Broadway è La Mecca del teatro e solo in sogno avremmo pensato che ci saremmo esibiti lì>. Invece, è accaduto davvero grazie a un progetto nato e finanziato da circolo Shardana-Usa di New York, Assessorato al lavoro della Regione Sardegna e voglia di fare del gruppo teatrale mogorese, scelto per rappresentare cultura e spirito sardo oltreoceano. <E’ stata davvero un’occasione per portare un pezzetto di Sardegna dall’altra parte del mondo>, continua Virginia Garau, <Perché ci siamo esibiti in lingua sarda campidanese e con un testo rigorosamente sardo, del drammaturgo oristanese Antonio Garau, senza sottotili o traduzioni>, sottolinea. E la commedia “Cicciu Fruschedda” interpretata alla grande da Virginia Garau, Giuseppe Onnis, Nicola Melis, Agostina Maccioni, Paolo Garau, Caterina Peddis, Mauro Grussu e Alessandro Schintu è stata un vero successo anche perché tantissimi dei sardi o figli di sardi trapiantati nella Grande Mela capivano e parlavano ancora il sardo, mentre per gli altri una brochure in italiano e in inglese dava una traccia della trama. <Siamo stati accolti come fratelli venuti da lontano e non sono mancate feste di benvenuto e occasioni di scambio culturale indimenticabili – continua Virginia Garau – ed è stato un onore rappresentare la Sardegna e soprattutto conoscere tanti sardi che si sono fatti strada in terra straniera, ma non hanno né vogliono dimenticare la nostra Isola. Oltretutto ciò che ci ha riempito d’orgoglio è stato recitare proprio in lingua sarda, vestendo i panni di sardi d’altri tempi, tempi nei quali in tantissimi dovettero lasciare la Sardegna per tentare la fortuna oltreoceano>, sottolinea Virginia Garau. E infatti non è mancata una passeggiatina tra i grattacieli newyorkesi in abiti di scena…tra lo stupore dei passanti, naturalmente…

Per informazioni: Telefono e fax 0783/992027 - Cell. 389/1111327
Sito internet: www.teatro-tragodia.com ; e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Informazioni www.settimanasardany.org
CIRCOLO SHARDANA-USA, 749 Riverside Avenue Lyndhurst, NJ 07071 Tel 201-868-1651

© www.teatro-tragodia.com Tutti i diritti riservati. Ragione Sociale: Associazione Culturale Teatro Tragodia, via Gramsci 33 09095 Mogoro (OR) Partita IVA 00712090950

Please publish modules in offcanvas position.

COMUNICATO STAMPA

Ultimo teatro 2018

Possedere fisicamente un teatro nel proprio territorio, nel senso di averlo presente, già costruito, e non dovere affrontare tutte le prevedibili difficoltà legate alla sua edificazione, è una gran fortuna. Ma, cosa assai più importante, è un bene prezioso.

Il teatro inteso come attività professionale ed artistica, conserva e racchiude in se il fascino che ogni storia raccontata porta al di là delle parole e del significato. Ogni volta che uno spettacolo apre le porte al pubblico, ogni volta che il pubblico ha la possibilità di assistere ad una rappresentazione, è una magia che si ripete e si rinnova. Ciascuna rappresentazione, mai ripercorribile alla perfezione, conserva in se l’immediatezza del rapporto diretto, fisico, e carica di mistero il pubblico presente, gli attori ed il luogo deputato ad accogliere la rappresentazione stessa. Per rifarci ad un esempio più immediato, ciò che avviene in teatro possiede il “fascino della diretta” e ne conserva intatta l’energia dalla quale il pubblico può attingere a piene mani. Il Teatro come edificio destinato alla rappresentazione di opere (teatrali, musicali ed altri spettacoli pubblici), è un luogo innanzitutto da serbare, mantenere in vita, dando ad esso il giusto nutrimento, ovvero la possibilità di esprimersi nella sua finalità, quindi di essere utilizzato. Ed è proprio in questo edificio dove la cultura si incontra senza filtri che si svolgono le stagioni teatrali. In questo ultimo scorcio la rassegna dedicata è “ULTIMO TEATRO”.

ULTIMO TEATRO. Quindicesima Edizione

La rassegna viene organizzata e promossa dall’Associazione Culturale Teatro Tragodia col patrocinio del Comune di Mogoro e della R.A.S. Il titolo della rassegna è stato appositamente scelto con l’augurio che il teatro in provincia non sia più ultimo, e per sottolineare l’opportunità che i cittadini, anche gli ultimi, possano usufruire di un servizio ludico–culturale. Le stagioni precedenti hanno registrato un maggior afflusso di pubblico grazie anche al numero crescente di abbonati. ULTIMO TEATRO ospita sempre le ultime produzioni delle migliori compagnie teatrali dell’Isola. Dando modo anche al pubblico di provincia di assistere a spettacoli di ottimo livello con temi attuali e linguaggi artistici innovativi.

PROGRAMMA

Domenica 30/09 ore 18.00 La Maschera “C’era Una Volta Ettore Petrolini”

Domenica 07/10 ore 18.00 Actores Alidos “Gramsci Antonio: presente!”

Domenica 14/10 ore 18.00 Figli d’Arte Medas “Angeli”

Domenica 21/10 ore 18.00 Il Crogiuolo “Grazia Deledda con i BAFFI!”

Domenica 11/11 ore 18.00 Teatro Tragodia “15-18. La Grande Guerra”

Domenica 18/11 ore 18.00 Bocheteatro “Colpevoli di Viaggio”

Domenica 25/11 ore 18.00 Teatro d’Inverno “Una Giornata Particolare”

 

Responsabile Ufficio Stampa

Per Teatro Tragodia

Candida Mannaro

389/1111327